Nella sentenza n. 6337 dell' 8 marzo 2024 la Corte di Cassazione respinge il ricorso contro un avviso di accertamento ICI di cui il contribuente eccepiva l'illegittimità trattandosi di immobili di categoria B/1 (comprendente conventi e seminari) esenti poiché utilizzati per l'esercizio del culto e per la cura delle anime, oltre che come Seminario Vescovile, ricorso respinto dalla Commissione Tributaria Regionale, la quale ha invece rilevato che il contribuente non aveva fornito la prova degli elementi oggettivi necessari per l'ottenimento dell'esenzione ICI, essendo rimasta l'attività di formazione del clero (seminario) mera affermazione non provata: la Cassazione, dopo aver ricordato che l'esenzione in oggetto è subordinata alla compresenza di un requisito oggettivo, rappresentato dallo svolgimento esclusivo nell'immobile di attività di assistenza o di altre attività equiparate dal legislatore ai fini dell'esenzione, e di un requisito soggettivo, costituito dallo svolgimento di tali attività da parte di un ente pubblico o privato che non abbia come oggetto esclusivo o principale l'esercizio di attività commerciali, precisa che la sussistenza del requisito oggettivo, che è onere del contribuente dimostrare, non può essere desunta esclusivamente sulla base di documenti che attestino a priori il tipo di attività cui l'immobile è destinato, occorrendo invece verificare che tale attività, pur rientrante tra quelle esenti, non sia svolta, in concreto, con le modalità di un'attività commerciale, per cui la Corte rigetta il ricorso, avendo il contribuente omesso di indicare i documenti attraverso i quali asserisce di aver ampiamente dimostrato che l'unità immobiliare adibita a seminario vescovile non aveva mai smesso di essere destinata a tale scopo e rilevando che le considerazioni espresse dal ricorrente in merito alla natura di ente non commerciale (o di ente ecclesiastico civilmente riconosciuto) del Seminario Vescovile non sono pertinenti, atteso che concernono il requisito soggettivo per beneficiare dell'esenzione, mentre oggetto della discussione è il presupposto oggettivo.

Vecchi post